• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

"Solidarietà per Kobane": un utilizzo ideologico (e semplificato) delle informazioni

“Un’analisi del modo in cui la resistenza curda a Kobane viene semplificata e spesso riprodotta attraverso la lente ideologica: la solidarietà internazionale verso i curdi deve prescindere dall’identità etnica e valere per tutti i popoli che combattono l’oscurantismo sia esso laico, religioso o ideologico”, scrive Alberto Savioli. 

 

L’offensiva condotta negli ultimi mesi dallo Stato islamico (Is) per la conquista del cantone a maggioranza curda attorno alla città di Kobane, ha risvegliato un sentimento di sostegno alla resistenza curda da parte dell’opinione pubblica soprattutto italiana.

I curdi lottano per la loro autodeterminazione e nei gruppi combattenti la figura della donna-soldato ha un ruolo significativo, tuttavia queste indubbie verità sono state utilizzate per trattare la realtà arabo-curdo-siriana in modo dualistico, buoni (i curdi) contro i cattivi (gli islamisti “arabi” dello Stato islamico), e semplificando una situazione che sul campo è molto più complessa.

Il “Kurdistan siriano” o “Kurdistan occidentale” è chiamato nel suo complesso Rojava ed è costituito dai cantoni dell’Afreen, Kobane e Jazirah (Cisre), queste tre enclaves a maggioranza curda non confinanti tra loro, sono come isole in un territorio a maggioranza araba. Il territorio a cui i curdi ambiscono non si riduce all’area di queste enclaves ma mira a unirle in un territorio omogeneo, che tuttavia non lo è da un punto di vista etnico.

Il distretto di Kobane si trova nel governatorato di Aleppo, era noto prima del 2011 con il nome arabo di ‘Ayn al-Arab (“sorgente degli arabi”, Arap punar in turco), dal nome della città capoluogo. Il nome di Kobane viene usato in occidente come vessillo della resistenza curda, e come riappropiazione dell’identità curda a scapito del nome arabo.

In realtà, secondo lo scrittore turco di origine curde Muhsin Kizilkaya, Kobane sarebbe la deformazione della parola inglese “company”, poiché qui si trovava l’avamposto della compagnia tedesca che costruì la ferrovia che collegava Istanbul, Aleppo e Baghdad. Secondo altri, il nome sarebbe la deformazione della parola tedesca “bahn” (strada), l’azienda tedesca si chiamava infatti Anatolische Eisenbahn.

Nell’intero distretto di Kobane/‘Ayn al-Arab i curdi non rappresentano la maggioranza della popolazione ma costituiscono il 40%, in un territorio diviso tra villaggi arabi, yezidi e turkmeni.

Nel solo sotto-distretto di Kobane i curdi sono il gruppo etnico maggioritario con una popolazione di 44.821 individui (secondo il censimento ufficiale del 2004) su una popolazione di 81.424, negli altri due sotto-distretti pur essendo una minoranza consistente sono pur sempre una minoranza rispetto alla componente etnica araba. Nel sotto-distretto di Shiukh Tahtani sono solo 4.338 su 43.861, e in quello di Sirrin sono 6.140 su una popolazione di 69.931. Nel confinante distretto di Jarablus (a ovest di ‘Ayn al-Arab/Kobane) sono poco più del 10%.

Perché sono importanti queste percentuali?

Perché nel tentativo di riconquista di aree con popolazione curda, seguito al rischio di annientamento della loro entità da parte dello Stato islamico, i curdi siriani dell’Ypg (Unità di protezione del popolo, il ramo militare non ufficiale del Partito di unione democratica – Pyd) stanno conquistando anche territori a maggioranza araba. La guerra dei curdi sempre descritta come guerra di resistenza, appare di diversa natura ad ovest di Kobane, in quei territori a maggioranza araba a ridosso dell’Eufrate.

La popolazione araba di questi villaggi ribellatasi ad Asad nel 2011, ha partecipato attivamente alla rivoluzione siriana contribuendo a combattere tra le fila dell’Esercito siriano libero, poi sconfitto qui dai miliziani dell’Isis che hanno fondato un loro emirato a Jarablus.

La recentissima avanzata dell’Ypg in quest’area, è stata preparata dai bombardamenti della coalizione che sta fornendo copertura aerea, con lo scopo di indebolire lo Stato islamico ma che ha colpito anche molte abitazioni nei villaggi di Shiukh Fawqani, Qara Qozaq, e Jaddah Kabria.

La popolazione locale, nei giorni precedenti l’offensiva, è fuggita con macchine, camion e trattori portando con se tutti i beni che era possibile trasportare (...). Paradossalmente, questi arabi in fuga si sono rifugiati nei territori controllati dallo Stato islamico, soprattutto nell’area di Mambij, per paura di rappresaglie curde.

Un video mostra i combattenti curdi nel villaggio di Shiukh Fawqani abbandonato dai miliziani dell’Is e dalla popolazione locale araba, viene issata la bandiera dell’Ypg e i combattenti festeggiano. In un altro video sottotitolato in inglese si vede una combattente che indica l’area conquistata definendo col nome curdo Sheiklar/Shexler il villaggio arabo di Shiukh, dall’alto di un sito archeologico, Tell Shiukh Fawqani (la collina superiore degli sceicchi), rinominato per l’occasione Tepegi Egid, “la collina degli eroi”, in onore dei martiri curdi uccisi.

Un sito di informazione che riporta queste notizie allega una mappa in cui i villaggi arabi conquistati sono stati “curdizzati” nella toponomastica, Shiukh Fawqani è diventato Shexler Juri, Jarablus è diventato Kaniya Dil, Zor Mughar è diventato Zormixar.

Lo stesso fenomeno si è avuto a est di Kobane, nel cantone della Jazirah (Cisre). Secondo l’organo di opposizione Sham News Network, l’Ypg ha dato alle fiamme un certo numero di case in alcuni villaggi arabi nella provincia di Hasakah, due giorni dopo la conquista del villaggio di Tell Hamis che si trovava nelle mani dello Stato islamico.

L’account Twitter dell’Ypg ha pubblicato alcune fotografie di suoi combattenti in posa davanti ai villaggi nei pressi di Tell Hamis, scattate per celebrare la vittoria sull’Is, sullo sfondo il fumo fuoriesce dalle case bruciate.

La lotta dei combattenti curdi (di ispirazione marxista-leninista o socialista) sempre definita “di liberazione” viene vista come resistenza e viene contrapposta spesso all’imperialismo americano. Queste semplificazioni non considerano la realtà dei fatti: la resistenza curda dell’Ypg avviene con la copertura aerea della coalizione, con il supporto di miliziani occidentali e con il sostegno di alcune brigate dell’Esercito siriano libero (Esl).

Come riporta il sito di informazione Osservatorio Iraq: “Il 10 settembre 2014, una brigata locale dell’Esl si è unita alle forze dell’Ypg per lanciare un’operazione comune contro Da’esh (acronimo arabo dell’Isis) chiamata Burkan al Firat. I battaglioni coinvolti comprendevano la Brigata rivoluzionaria di Raqqa, Shams al Shamal, Al Tawhid, Saraya Jarablus e altre unità minori”.

Le donne curde combattenti e la resistenza curda e “laica” di Kobane, sono temi che hanno spinto molti miliziani occidentali a combattere accanto alle forze dell’Ypg per difendere la città dall’avanzata dello Stato islamico.

Uno dei miliziani più intervistati è Jordan Matson definito “veterano” e “cristiano”, ma vi sono anche i veterani della USA/British Valley Special Ops., i canadesi, gli australiani, alcuni europei e anche un italiano.

Tutti questi fatti passano sotto silenzio sulla stampa occidentale e in particolar modo italiana, vanificherebbero il modo manicheo e ideologico attraverso il quale vengono trattate le complesse notizie medio-orientali.

Non si spiega altrimenti il fatto che non trovino spazio notizie come la repressione da parte del Pyd di alcuni attivisti indipendenti che criticavano il partito, o il massacro di Amuda del 27 giugno 2013 quando i combattenti dell’Ypg hanno aperto il fuoco contro manifestanti disarmati. In uno dei cartelli esposti dai manifestanti c’era scritto “Il regime ha occupato Qusair con l’aiuto di Hezbollah, e ha occupato Amuda con l’aiuto del Pkk”.

Durante la rivoluzione siriana, il Pyd è stato accusato di collaborazionismo con il regime siriano, e ha aiutato le forze governative a silenziare le voci dei membri dell’opposizione, tra cui spicca il celebre esponente dell’opposizione curda Mashaal Tammo, ucciso all’inizio della rivoluzione.

Il sostegno alla resistenza curda non può prescindere dalla verità e dall’onestà dei fatti, ma chi ha mai letto queste notizie sulla stampa italiana? Perchè la denuncia delle donne curde di Amuda per le detenzioni arbitrarie del Partito di unione democratica curda (Pyd) non ha trovato spazio sulla stampa?

Il fenomeno (legittimo) di sostegno, supporto e solidarietà alla resistenza dei curdi verso l’avanzata dello Stato islamico, che ha visto anche l’arruolamento di combattenti occidentali e italiani, è stato unidirezionale.

Non si è avuta la stessa solidarietà di massa, ma solo stupore per l’ennesimo fatto barbaro, quando nell’agosto del 2014 i miliziani dello Stato islamico hanno massacrato 700 combattenti e resistenti arabi appartenenti alla tribù degli Aghedaat (al ramo tribale degli Sweitaat) che difendevano i loro villaggi dall’avanzata di Da’esh.

Nel villaggio di Ghraneij (Deir ez-Zor) in un solo giorno ne sono stati uccisi 300, sono stati fatti distendere in una fossa e poi sono stati freddati a colpi di mitra.

Ma anche quando gli stessi curdi nel 2011 manifestavano contro Asad nella stessa Kobane, o a Qamishli nel gennaio 2012, o i ragazzi curdi delle scuole di Kobane davano il loro sostegno ai combattenti arabi di Baba Amr (Homs), la stampa e alcuni circoli politici italiani allora erano silenziosi sull’argomento.

Nell’agosto 2014 un rapporto di Human Rights Watch (HRW), “Under Kurdish Rule”, denunciava le autorità curde (Pyd) che amministravano le tre enclaves siriane per aver commesso arresti arbitrari, per violazione del diritto di difesa, e per non essere riuscite a dare dei nomi ai responsabili di sparizioni e omicidi. Almeno nove oppositori politici del Pyd sono stati uccisi o sono scomparsi nel corso degli ultimi due anni e mezzo in aree controllate parzialmente o completamente dal partito.

Spesso si è stigmatizzato e denunciato l’utilizzo di minori arruolati tra le fila dell’Esercito siriano libero, molti si ricorderanno di Ahmed il ragazzino orfano fotografato ad Aleppo con il kalashnikov in spalla e la sigaretta tra le dita.

HRW ha scoperto che, nonostante le promesse fatte nel 2013 dall’Asayish (polizia locale) e dall’Ypg di smettere di usare i ragazzi sotto i diciotto anni per scopi militari, il problema persiste in entrambe le forze.

Lo stesso argomento è stato trattato dall’organo di informazione curdo-irachena Rudaw, i cui giornalisti durante una visita prima linea a Serekaniye (Ras al-‘Ayn) nel mese di gennaio 2014, avevano incontrato combattenti dell’Ypg che erano chiaramente minorenni e avevano già visto più volte la prima linea.

Il silenzio su questi fatti da parte della stampa, assieme alla campagna di sostegno alla resistenza di Kobane e al proliferare di conferenze incentrate sulla resistenza curda e sul clichè della donna partigiana combattente, mostra come la lettura dei fatti siriani a volte di parte, venga sempre filtrata attraverso la lente ideologica.

Non vorrei essere frainteso, non voglio sminuire la legittima resistenza curda. La mia vicinanza a questo “popolo” diviso tra quattro Stati e oppresso nei secoli, risale al 1994 quando un viaggio nel Kurdistan turco mi portò a conoscere le aspirazioni all’autodeterminazione di un popolo che i turchi chiamavano i “turchi delle montagne”. Quando nel 1998 il leader separatista del Pkk Abdullah Öcalan fu costretto ad abbandonare la Siria riparò in Italia dove venne arrestato su mandato di cattura internazionale emesso dalla Germania, partecipai a Roma a una manifestazione contro la sua estradizione in Turchia.

Ma citando Leila al-Shami su Osservatorio Iraq, non vorrei che il sostegno a Kobane sia un esempio di solidarietà selettiva: “Rimane aperta la questione se la solidarietà internazionale per Kobane nasca dall’identità dei suoi difensori curdi, ovvero non arabi sunniti, o dall’appoggio per le posizioni politiche di un partito (il Pyd/Pkk) o dal riconoscimento del principio che tutti i popoli hanno il diritto di difendersi dal terrore, sia esso fascismo nazionalista o religioso, e di autodeterminare come organizzare la propria vita e quella delle proprie comunità. Se davvero sorge da questo riconoscimento, allora la solidarietà per curdi di Kobane dovrebbe essere estesa a tutti i siriani rivoluzionari”, aggiungo, siano essi armati o disarmati.

 

*Questo articolo è stato originariamente pubblicato su SiriaLibano, che ringraziamo per la gentile concessione. 

 

 

22 Marzo 2015
di: 
Alberto Savioli per SiriaLibano*
Area Geografica: