• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed
Loading

Tu sei qui

Palestina: tutti sugli autobus israeliani, per la libertà

Martedì prossimo i Comitati per la resistenza popolare nonviolenta palestinese tenteranno di rompere l'apartheid e salire sugli autobus dei coloni che illegamente entrano nella Cisgiordania e che collegano le colonie a Tel Aviv o a Gerusalemme. Si tratta di un'azione ispirata a quelle dei movimenti per i diritti civili negli Stati Uniti.

 

 

Il primo tentativo sarà proprio il 15 novembre, e anche di questo parleranno gli attivisti che domani si riuniranno di fronte al Campidoglio, nell'ambito della campagna dei "lunedì italiani per i prigionieri palestinesi".

Cinquant'anni dopo la Freedom Riders contro la segregazione, i palestinesi scenderanno in strada per far valere il loro diritto di libertà e dignità contro il regime militare dell'occupazione, attraverso i metodi della  disobbedienza civile e pacifica.

I manifestanti mirano a evidenziare i tentativi di Israele di tagliare illegalmente i collegamenti tra Gerusalemme Est e il resto della Cisgiordania, senza contare che sono in programma - in territorio palestinese - nuove linee di collegamento tra Gerusalemme e alcune città israeliane, come Eilat e Beit She'an. 

A ciò va aggiunto che attualmente i palestinesi devono essere 'autorizzati' a entrare in Israele, richiedendo un permesso speciale alle autorità israeliane. Anche all'interno dei Territori Occupati, la libertà di movimento è ancora fortemente limitata.

13 novembre 2011

Area Geografica: 
Articoli Correlati: