• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Analisi

di Luca Bellusci
16 settembre 2011

Il ripetuto e congiunto attacco alla guerriglia curda del Pkk e Pjak, da parte di Iran e Turchia, sembrerebbe un’azione programmata con il fine ultimo di smantellare in modo definitivo le basi logistiche dei gruppi armati, di stanza sull’altipiano iracheno di Qandil. Ma analizzando più attentamente le azioni militari che dal mese di luglio si susseguono in maniera quasi incessante, i due principali attori di questa guerra silenziosa non sembrano avere gli stessi interessi strategici. La domanda da porsi in questi casi è: perché ora? Questo particolare momento storico per la regione mediorientale risulta contraddistinto da un generale ridimensionamento dell’asset geo-strategico per molti attori regionali, in primis Iran, Turchia, Siria, Egitto quindi Israele.
 

 

di: 

di Giovanni Andriolo
L’Italia ha richiesto una deroga per l’entrata in vigore delle nuove sanzioni europee alla Siria. Il motivo? La perdita risibile delle forniture siriane si somma alla ben più ingente perdita subita dal nostro paese con l’azzeramento delle forniture dalla Libia.

di: 

Domenica 16 gennaio il Presidente Barack Obama ha recapitato una lettera alla dirigenza di Tehran, in merito allo scontro mediatico in atto tra i due paesi per il transito attraverso lo stretto di Hormuz.

12 Agosto 2013
di: 

Pagine