• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Armi

Le recenti violenze in Sinai così come in tutto il paese riportano agli onori delle cronache le drammatiche condizioni di insicurezza in cui si trova l'Egitto. Violenze, droghe, ma soprattutto armi: per l'esercito così come per i civili. E intanto si continua a morire. 

 

22 Luglio 2013
di: 
Marco Di Donato

Il 1° gennaio 2015, conclusa la missione Isaf, verrà dato il via al nuovo impegno della Nato in Afghanistan attraverso la "Resolute Support Mission". Quale contributo darà l’Italia?

 

01 Luglio 2013
di: 
Claudio Bertolotti*

Aereo da caccia

Nel 2015 i Joint Strike Fighter F-35 saranno "combat ready". La campagna "Taglia le ali alle armi" chiede di fermare il programma da 52 miliardi di euro per la produzione di caccia. Subito.

13 Giugno 2013
di: 
Andrea Camboni

La morte del 53esimo soldato italiano ha riacceso i riflettori su una guerra passata in secondo piano e, complice il processo di semplificazione mass-mediatico, presentata come in fase di conclusione. Almeno per quanto riguarda le truppe straniere.

di: 

Pagine

E' scontro sulla riforma della Tal Law, che prevede esenzioni per motivi religiosi dalla leva militare per i membri dellla comunità ultraortodossa. Includerli per "condividere i doveri" è lo slogan del governo, dietro cui si cela la realtà di una società complessa, per la quale un esercito non basta più. 

Con un contratto da 10 miliardi dollari, gli Usa stanno per finalizzare la vendita di una grossa partita di armi destinata a Israele, Emirati Arabi Uniti e, ancora una volta, all'Arabia Saudita, che vorrebbe guidare militarmente il Golfo contro la presunta minaccia iraniana.

A due anni dalla 'rivoluzione' del 2011, il clima di insicurezza e instabilità politica ha spinto molti egiziani ad acquistare illegalmente armi da fuoco provocando un boom senza precedenti del mercato nero degli armamenti. 

Nodo geopolitico strategico, ma area a lungo esclusa dalle politiche per lo sviluppo, il Sinai è oggi crocevia di traffici illegali di ogni tipo e forma, nonché 'base' di numerosi gruppi armati. 

Pagine