• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Focus

Di certo non è stata la notizia del mese, ma il 28 agosto si è tenuta a Teheran la seconda edizione di Start up weekend, evento che raccoglie giovani imprenditori, sviluppatori, creativi e innovatori per mettere a confronto idee e progetti.

05 Settembre 2014
di: 
Antonello Sacchetti

A sei mesi dalle prime mobilitazioni, Osservatorioiraq torna con un'edizione speciale sulle proteste che hanno infiammato Istanbul e il resto del paese. In nome di un parco, di pluralismo e democrazia, di cui Gezi è diventato il simbolo.

 

29 Novembre 2013
di: 
Redazione

Un numero speciale della rivista Maghreb-Machrek sottolinea il ruolo avuto dalle "crisi agrarie" negli avvenimenti politici di questi ultimi anni, scarsamente considerate dai governi attuali. A torto.

 

27 Novembre 2013
di: 
Jean-Pierre Séréni per Orient XXI*

I profughi siriani sono arrivati nell'enclave spagnola dopo un viaggio estenuante attraverso i paesi del Maghreb. Duemila dollari la tariffa da pagare ai trafficanti per un passaporto marocchino. Il primo passo, in attesa del trasferimento sul suolo europeo.

 

 

 

12 Novembre 2013
di: 
testo e foto Sara Creta, Melilla

Pagine

Alle sette del mattino ero già in piedi, esaltata all’idea di votare per la prima volta nella mia vita. Una gioia “cittadina” che un anno fa, il 23 ottobre 2011, ho condiviso con milioni di tunisini. Dopo la caduta del dittatore Ben Ali, erano grandi le attese di cambiamento per la blogger Lilia Weslaty*.

"Elezioni posticipate, una Costituzione che si fa attendere troppo, un paese diretto da elite disconnesse dalla realtà e un popolo frustrato: sembra quasi che il governo tunisino abbia la memoria c

"Non solo Ghannouchi: cambiamenti sociali e islamismo in Tunisia".

Il 23 ottobre 2011, le prime elezioni libere. Un anno dopo la Costituzione non è ancora pronta. Però il popolo tunisino c’è e vuole il cambiamento. Vuole la libertà e far valere i propri diritti. E alla fine ci si accorge che qualcosa è cambiato, quando capita che nella nuova Tunisia si faccia uno sciopero e il governo dia ascolto alla protesta.

Pagine