• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Focus

Alle sette del mattino ero già in piedi, esaltata all’idea di votare per la prima volta nella mia vita. Una gioia “cittadina” che un anno fa, il 23 ottobre 2011, ho condiviso con milioni di tunisini. Dopo la caduta del dittatore Ben Ali, erano grandi le attese di cambiamento per la blogger Lilia Weslaty*.

di: 
Giulia Consolini (traduzione a cura di)

"Elezioni posticipate, una Costituzione che si fa attendere troppo, un paese diretto da elite disconnesse dalla realtà e un popolo frustrato: sembra quasi che il governo tunisino abbia la memoria corta…", scrive il giornalista francese Nicolas Beau, rispetto alle tensioni che animano la repubblica maghrebina nel primo anniversario della Costituente. 

di: 
traduzione a cura di Jacopo Granci

"Non solo Ghannouchi: cambiamenti sociali e islamismo in Tunisia". È questo il titolo di un lungo lavoro di analisi svolto dagli accademici Rikke Hostrup Haugbølle e Francesco Cavatorta alla luce delle prime elezioni politiche post-Ben Ali.  

di: 
Cecilia Dalla Negra (a cura di)

Il 23 ottobre 2011, le prime elezioni libere. Un anno dopo la Costituzione non è ancora pronta. Però il popolo tunisino c’è e vuole il cambiamento. Vuole la libertà e far valere i propri diritti. E alla fine ci si accorge che qualcosa è cambiato, quando capita che nella nuova Tunisia si faccia uno sciopero e il governo dia ascolto alla protesta.

di: 
Maria Letizia Perugini

Pagine

Inizia citando Yasser Arafat. Ricorda il processo di pace e riapre ai negoziati con Israele. Condanna duramente gli insediamenti, l'occupazione e le politiche israeliane.

21 settembre 2011

Pubblichiamo il documento firmato dal presidente americano Barack Obama il 18 agosto sulle sanzioni imposte alla Siria, come protesta per le repressioni attuate dal governo di Bashar Al Assad.

Lo Stato di Israele ricorda per certi versi la vicina Giordania. Di dimensioni limitate, povero di risorse naturali ed energetiche, dotato di un mercato interno scarso, poco popoloso (circa 7 milioni di abitanti, dati FMI), il paese non ha certo le carte in regola per diventare un gigante. Inoltre, rispetto alla Giordania, si scontra con alcune aggravanti.

Pagine