• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Migrando

Da Shatila a Nahr el-Bared è festa per la fine delle operazioni a Gaza. Il leader di Hezbollah si congratula per la "vittoria" e una delegazione del 14 Marzo va nella Striscia per esprimere solidarietà. E se fosse il momento per tornare a parlare di diritti negati ai rifugiati?

di: 

I migranti e i rifugiati subsahariani in Marocco hanno conosciuto un passaggio progressivo da una situazione di transito provvisorio all'insediamento precario. Questo cambiamento ha posto la società marocchina davanti a una serie di questioni, sociali e politiche, del tutto nuove rispetto all'autorappresentazione di un paese d'emigrazione.

di: 

Le strade del regno sono divenute teatro di un razzismo 'anti-nero' quotidiano, violento, intollerabile. Il settimanale marocchino Tel Quel e l'architetto senegalese Boubacar Seck pubblicano una lettera aperta per dire: “Attenzione, stop, baraka!”.

di: 

Chi ha paura "dell'uomo nero"? La condizione dei migranti sub-sahariani continua a essere un tema scottante in Marocco, e una squallida campagna mediatica sembra voler spianare la strada all'intervento repressivo delle autorità.

di: 

Pagine

Nel regno alawita, non è sempre facile essere nero. Ecco la testimonianza del senegalese Bassirou Bâ, giornalista del settimanale marocchino Actuel.

Il 6 ed il 7 ottobre si è tenuto nella città di Oujda, al confine tra Marocco ed Algeria, il secondo Forum sociale dei migranti. All'evento, il cui motto era "Un altro Maghreb ed un'altra politica migratoria sono possibili', hanno partecipato oltre 400 persone per protestare anche contro le politiche degli Stati europei, responsabili ogni anno della morte di migliaia di persone.

Pagine