• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Petrolio

Le ricche riserve di gas al largo del Mediterraneo potrebbero rendere Israele sempre più indipendente a livello energetico e un attore strategico predominante nella regione. Ma il governo e le grandi corporation hanno già deciso di favorire le esportazioni, bypassando il Parlamento e generando forti insoddisfazioni popolari. 

 

26 Giugno 2013
di: 
Stefano Nanni

Una nuova risorsa combustibile rischia di stravolgere gli incandescenti equilibri energetici internazionali: si tratta del petrolio di scisto prodotto nel nord dell'America. Intanto, le fratture in seno all’Opec si fanno sempre più profonde.

Le dinamiche energetiche internazionali potrebbero essere influenzate, ancora una volta, da quel che accade nell’America settentrionale.

 

13 Giugno 2013
di: 
Giovanni Andriolo

Le potenzialità di crescita dell'Iraq non possono lasciare indifferente il più importante dei giganti asiatici, la Cina. Che si prepara a competere su più fronti.   

di: 

Per entrare nel mercato comune, la Turchia deve portare avanti politiche energetiche per rifornire l’Europa. Dalla penisola anatolica al Medioriente, le rotte del gas e le nuove collaborazioni sulla tecnologia nucleare. 

di: 

Pagine

Continua la disputa tra Baghdad, Erbil e Ankara per il controllo del greggio curdo. E mentre nuovi test rivelano la straordinaria ricchezza del sottosuolo del Kurdistan, è già guerra tra gli operatori internazionali.

Mentre si espandono le trame commerciali cinesi in Iraq, Baghdad cerca nuovi acquirenti asiatici per il suo petrolio. Nel frattempo, le imprese Usa appaiono sempre meno a loro agio.

La produzione irachena di greggio ha superato quella iraniana, rendendo Baghdad il secondo produttore tra i paesi Opec. Sebbene le prospettive di crescita siano ottime, sul futuro del settore pesano carenze infrastrutturali e scontri politici. 

Ankara approva il progetto di gasdotto trans-anatolico tra Azerbaigian e Turchia. Tuttavia, ai due capi del condotto si agitano conflitti latenti che coinvolgono Unione Europa, Russia e Iran per l’accaparramento delle risorse del Mar Caspio.

Pagine