• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Petrolio

Nonostante le difficoltà dell'economia nazionale la società tunisina non cede alle pressioni delle multinazionali sull'estrazione di gas di scisto. Se ne parla anche al Forum Sociale mondiale, dove le associazioni promettono battaglia. 

di: 

Un oleodotto collegherà l’Arabia Saudita al Bahrein. Riyadh contrasta il fronte anti-saudita aggirando la vulnerabilità dello Stretto di Hormuz e stringe il suo abbraccio sulla piccola isola.

di: 

L’acqua è sempre stata una risorsa rara in Medio Oriente, eppure la regione ha dimostrato di saper resistere giocando la sua carta più importante: il petrolio. Ma di fronte a un futuro sempre più incerto, è forse necessario cambiare strategia. 

di: 

A 10 anni da quella che molti considerano la 'guerra del petrolio', gli Stati Uniti non sono ancora riusciti a imporre né una nuova legge né dei contratti più vantaggiosi per le loro compagnie, tranne che nella regione semi-autonoma del Kurdistan.

di: 

Pagine

La Turchia, che dipende dall'estero per le forniture di energia, soprattutto dal gas russo e iraniano, vuole sfruttare i giacimenti presenti sul suo territorio. Ma deve prima ‘liberarsi’ dei curdi per aprire il mercato alle imprese di perforazione straniere. E così, Erdogan sceglie la pace al posto dell'opzione militare.

Dietro alle attuali oscillazioni nel prezzo del petrolio si muove un esercito di grandi petro-imprese e trader incravattati che agiscono in piazze lontanissime dai siti di produzione. E l’instabilità in regioni chiave potrebbe essere il risultato di calcoli di mercato.

Un doppio condotto, oleodotto e gasdotto, per collegare il flusso di idrocarburi tra Iraq e Giordania: è così che il governo di Amman intende diversificare le fonti di approvvigionamento. Un nuovo ramo per il “Gasdotto dell’Amicizia” tra Iran, Iraq e Siria?

Ieri centinaia di lavoratori hanno assediato la sede della SOC di Bassora, chiedendo “l'espulsione dei dirigenti corrotti”. Mai più profitti senza diritti: ecco l’appello dei sindacati iracheni del petrolio a tutte le compagnie che operano nel paese, Eni inclusa.

Pagine