• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Punti di vista

La strage di Sousse del 26 giugno, che ha causato 39 morti e altrettanti feriti, ha come finalità evidente la destabilizzazione della regione e in particolare della Tunisia, paese in cui, nonostante difficoltà e contraddizioni, continua a pulsare una dinamica sociale viva che prova a tenere aperta una strada verso la costruzione di una democrazia reale, fuori e contro integralismi ed autoritarismi.

 

06 Luglio 2015
di: 
Damiano Duchemin da Tunisi per Ya Basta Caminantes*

Il gioco di Hafez al Asad ha ora raggiunto la sua logica fine, ed ecco che la Siria si dissolve trasformandosi in un protettorato iraniano e nell’arena di un selvaggio conflitto regionale. Tutto ciò fa sembrare la guerra civile libanese un preludio o un semplice allenamento per la guerra in atto in Siria.

 

 

 

17 Maggio 2015
di: 
Elias Khouri*

"A chi crede che Asad sia un nostro sostenitore, a chi non appoggia la rivoluzione io dico: voi avete la vostra Palestina, io ho la mia. La vostra Palestina è un discorso del regime. La mia Palestina è il canto dei combattenti per la libertà di Hama". Nel 4° anniversario della rivolta, le parole di Budour Hassan. 

 

 

 

15 Marzo 2015
di: 
Budour Hassan*

Davanti alla tragedia di Parigi abbiamo scelto di restare, almeno per un po', in silenzio. Perché forse, più che dare risposte, è il momento di porsi delle domande. 

 

 

 

18 Gennaio 2015
di: 
Redazione

Pagine

Il 2014 è stato un altro anno doloroso per la Palestina in termini di perdite di vite umane. Ma non si possono ignorare alcuni aspetti che mostrano un cambiamento in atto.

11 Gennaio 2015

"Nessuno se ne sarebbe andato da Yarmouk se non fossero arrivati i mortai.

15 Dicembre 2014

Asad padre è riuscito negli anni a "cancellare" il popolo siriano facendo in modo che il mondo lo vedesse come mediatore geopolitico regionale, e non come leader che soffocava la sua società e il s

21 Novembre 2014

A livello internazionale si torna a parlare di riconoscimento ufficiale per lo Stato di Palestina. Che ancora non c'è, ma che potrebbe esistere in futuro. O forse no?

03 Novembre 2014

Pagine