• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Punti di vista

La nostra penna dovrebbe servire a capire chi ha armato quella mano, chi ha comprato quella pistola, chi l'ha fabbricata, chi la ha portata lì, chi ha ordinato di sparare. Svelare ciò che è nascosto, ciò di cui non si racconta,  senza la presunzione di aver capito, sempre, tutto, prima degli altri. 

 

02 Settembre 2014
di: 
Redazione

Stefania Sinigaglia, ebrea, membro della rete ECO (Ebrei contro l'Occupazione), scrive una lettera aperta agli ebrei italiani.

 

 

 

01 Agosto 2014
di: 
Stefania Sinigaglia

“Questo è un massacro, un genocidio, coerente con l’intento originario di pulizia etnica che il neonato Stato di Israele ha messo in pratica sin dal 1948, e che ha portato avanti in 66 anni di espropri, uccisioni, Occupazione e disprezzo dei diritti umani”. Conversazione con l’attivista israeliano Ronnie Barkan*. 

 

 

 

30 Luglio 2014
di: 
Stefano Nanni

"La fine del Sionismo è una questione femminista", scrive Nada Elia, attivista di "INCITE!", puntando l'attenzione sull'impatto della violenza di Stato e della guerra condotta da Israele contro Gaza sulle donne e sulle persone che sfidano i confini di genere: "La violenza non è un paio di anfibi che si possano lasciare sulla soglia di casa".

 

 

 

 

29 Luglio 2014
di: 
Nada Elia per Electronic Intifada*

Pagine

Antisemitismo e islamofobia non c’entrano nulla con il contesto israelo-palestinese, né tantomeno con la recente e gravissima offensiva su Gaza.

28 Luglio 2014

E’ vero: a Gaza è in corso una guerra. Non tra israeliani e palestinesi, come vorrebbe farci credere il sistema mediatico internazionale. Ma contro l’informazione, la verità e la decenza. 

15 Luglio 2014

E' l'umanità dei palestinesi ciò che Israele teme di più: la maggior parte degli occidentali oggi considerano normale che gli israeliani abbiano un nome, un volto e dei sentimenti.

13 Luglio 2014

Gli eventi in Iraq fanno notizia dovunque e ancora una volta non si menziona il problema che sta dietro gran parte delle violenze: il controllo del petrolio iracheno.

 

 

11 Luglio 2014

Pagine