• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Questione di Generi

 Amnesty punta il dito contro questi tre paesi. Qui, tra maltrattamenti e abusi, la diversità sessuale è ancora considerata una malattia da debellare. 

di: 

Immagine 8 marzo egitto

Migliaia di persone hanno sfilato giovedì 8 marzo nel centro del Cairo in occasione della giornata mondiale della donna, scandendo slogan contro il regime militare e rivendicando il 50% dei seggi dell’Assemblea costituente. Tre giorni dopo la corte militare ha assolto Ahmed ‘Adel al-Mogy dall’accusa di aver eseguito test di verginità. Ora le donne di Piazza Tahrir promettono nuove mobilitazioni. 

di: 

Fino alla metà del ventesimo secolo i dittatori mediorientali "liberavano" le donne nei giorni buoni, per poi ritrattare da populisti mascherati da democratici quali erano. I successi elettorali dei partiti islamici in Egitto, Tunisia e Marocco non hanno fatto che accrescere le preoccupazioni circa le politiche e le leggi rigurdardanti la famiglia e le questioni di genere, e questo nonostante le rassicuranti dichiarazioni dei loro leader (nuovi e vecchi).

di: 

Nel Kurdistan iracheno sempre più donne si danno fuoco. Altre vengono uccise, perché gli uomini non temono la legge. La scarsa fiducia nella polizia rende sempre più rare le denunce. E Il sistema legislativo non tutela le vittime di maltrattamenti. Ma i motivi sono anche altri: si nasconde la verità per “difendere l'onore dei mariti” e le donne sono ridotte al silenzio, preferendo l'auto-immolazione e il suicidio.

 

di: 

Pagine

I numeri di questa tragica realtà sono il risultato di una ricerca sul campo durata tre anni, durante i quali sono state raccolte numerose testimonianze dirette, anche grazie all'intermediazione delle organizzazioni femminili.

Storie, nomi e immagini delle donne d’Egitto. "Mi hanno circondata in 5 o 6, si sono strusciati contro di me, mi hanno toccato il seno, hanno messo le mani sui miei genitali e ho perso il conto di quante altre mani hanno tentato di infilarsi nei miei pantaloni".

Presentato a Londra il report Karamatuna sul traffico di donne e lo sfruttamento della prostituzione: dal 2003 ad oggi, sono più di 4 mila le irachene che mancano all’appello. Vendute, comprate, e abbandonate nelle mani di aguzzini in tutto il Medio Oriente e il Nord Africa.
 


Rive nord e sud del Mediterraneo si incontrano, e condividono.
di M.Rita Ines Mura - europrogettista
A novembre 2010 la svolta. Un viaggio alla scoperta di quello che potrebbe unire le due sponde del Mediterraneo, respirando la primavera araba. 

Pagine