• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Rapporti

"ll mondo sta diventando un posto sempre più pericoloso per rifugiati e migranti": è questo il messaggio di Amnesty International, che presenta il Rapporto 2013 sulla situazione globale dei diritti umani. Frontiere chiuse agli uomini ma aperte alle armi, conflitti regionali e violenze di genere, in una panoramica che abbraccia anche il Medio Oriente. E non risparmia l’Europa. 

23 Maggio 2013
di: 
Cecilia Dalla Negra

Dopo la caduta di Gheddafi, la Libia è diventata una fonte di armamenti a cui attingono illegalmente molti attori della regione. E l'Egitto è uno dei principali 'destinatari' di questo traffico. 

 

 

30 Aprile 2013
di: 
Valentina Marconi

Le spese militari registrano un incremento nelle aree in cui le tensioni sono tradizionalmente forti come il Medio Oriente. Intanto, l'Italia vende alle forze aeree dell'Oman supporto logistico e aerei Eurofighter, frutto del principale programma di collaborazione europeo nel campo della Difesa.

22 Aprile 2013
di: 
Andrea Camboni

Da guardiani della rivoluzione a carnefici: questa la parabola dell'esercito egiziano documentata da un nuovo rapporto.

16 Aprile 2013
di: 
Valentina Marconi

Pagine

Nonostante gli "sviluppi positivi" e la tendenza globale all'abolizione della pena di morte, il suo utilizzo nei paesi del Medio Oriente continua ad essere "motivo di grande preoccupazione" per Amn

10 Aprile 2013

Tante voci, un solo verdetto: la transizione democratica irachena è fallita e la crisi siriana potrebbe travolgere quel che resta del paese, sempre più dilaniato dagli appetiti regionali.

02 Aprile 2013

In un nuovo rapporto sulla Turchia, Amnesty International esprime forte preoccupazione per il pacchetto di riforme legislative all'esame del Parlamento di Ankara. Ancora 'terrorismo' e diritti umani violati.  

27 Marzo 2013

Un rapporto del think tank ICG studia il panorama dell'estremismo religioso tunisino e analizza il contesto in cui è maturato. Per evitare la spirale repressione-radicalizzazione, e intervenire sulle cause socio-economiche che lo alimentano.

Pagine