• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Rapporti

Nonostante gli "sviluppi positivi" e la tendenza globale all'abolizione della pena di morte, il suo utilizzo nei paesi del Medio Oriente continua ad essere "motivo di grande preoccupazione" per Amnesty International. Che pubblica il suo rapporto annuale relativo al 2012. 

 

10 Aprile 2013
di: 
Francesca Gnetti

Tante voci, un solo verdetto: la transizione democratica irachena è fallita e la crisi siriana potrebbe travolgere quel che resta del paese, sempre più dilaniato dagli appetiti regionali.

02 Aprile 2013
di: 
Francesca Manfroni

In un nuovo rapporto sulla Turchia, Amnesty International esprime forte preoccupazione per il pacchetto di riforme legislative all'esame del Parlamento di Ankara. Ancora 'terrorismo' e diritti umani violati.  

27 Marzo 2013
di: 

Un rapporto del think tank ICG studia il panorama dell'estremismo religioso tunisino e analizza il contesto in cui è maturato. Per evitare la spirale repressione-radicalizzazione, e intervenire sulle cause socio-economiche che lo alimentano.

di: 

Pagine

Per ogni soldato occidentale ucciso durante l’occupazione sono morti 24 civili iracheni. E’ il bilancio di nuovo studio sugli effetti della Seconda Guerra del Golfo.

 

21 Marzo 2013

Un rapporto di Human Rights Watch raccoglie le voci di chi si trova nella braccio della morte. Sono tutti bambini cresciuti in carcere e che oggi trovano il coraggio di parlare e protestare.     

“A due anni di distanza l’euforia dalla Primavera araba sembra ormai un ricordo del passato”. Si apre così il 23esimo rapporto annuale di HRW, che in 700 pagine racconta la situazione dei diritti umani in 90 paesi del mondo. Anche quest’anno il focus parla arabo.

Mentre la guerra civile sta per compiere il suo secondo anno, almeno 4 milioni di siriani hanno bisogno di assistenza ed oltre 2,5 milioni di persone hanno dovuto abbandonare le proprie case. Mancano cibo e medicine, e cresce la violenza su donne e bambini. Aspettando ancora l’aiuto internazionale. 

Pagine