• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Voci dal campo

La famiglia di Mahmoud Zwahre è stata cacciata dal villaggio nel quale aveva vissuto per generazioni nel 1948. I suoi nonni trovarono rifugio nel villaggio di Al-Ma’sara, nei Territori Palestinesi Occupati, dove Mahmoud è nato, cresciuto, e diventato un leader dei Comitati di Resistenza Popolare. In queste righe, spiega che significato abbia oggi la Nakba per lui. 

 

 

15 Maggio 2016
di: 
Mahmoud Zwahre*

I movimenti giovanili iracheni che manifestano da mesi contro la corruzione del governo stanno inventando nuove forme di cittadinanza. E in un paese martoriato dalla guerra, investono in dialogo e cultura. 

 

 

15 Maggio 2016
di: 
Zahra Ali per Open Democracy*

L'attivista palestinese Mariam Barghouti si scaglia contro l'indifferenza di parte del mondo attivista palestinese verso la resistenza siriana. Che sempre più spesso diventa un sostegno ad Assad in quanto "male minore".

 

 

11 Aprile 2016
di: 
Mariam Barghouti per Muftah*

“Senza violenza, senza conflitti, senza guerra tra comunità e religioni. Siamo qui perché vogliamo ricostruire l’Iraq, e lo vogliamo fare su basi diverse”. A Baghdad, su impulso di Moqtada al-Sadr, si continua a chiedere al governo di attuare riforme contro la corruzione.

 

23 Marzo 2016
di: 
Stefano Nanni da Duhok - Kurdistan iracheno

Pagine

Incontro con Ala Ali, ricercatrice curdo-irachena esperta di peacebuilding e questioni di genere. Che racconta l’Iraq di oggi e quello di ieri. Nei suoi ricordi, e in qualche fotografia. 

23 Marzo 2016

Il viaggio del web magazine iracheno "Yalla" a Mosul, grazie alle testimonianze raccolte dalla città controllata da Daesh.

15 Febbraio 2016

"E' amaramente ironico che l'invasione dell'Iraq del 2003 teoricamente si giustificava con la mancanza di democrazia ed oggi nessuno in Occidente conosce questi esperimenti di democrazia del popolo

15 Febbraio 2016

A cinque anni dal 25 gennaio 2011, quando in piazza Tahrir prendeva vita la rivoluzione, l’attivista Alaa Abdel Fattah scrive una lettera aperta dal carcere in cui è recluso.

01 Febbraio 2016

Pagine