• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Voci dal campo

di Jamal Juma*

 

 

(dai Territori Palestinesi Occupati)

Fa parte del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina ed è uno degli organizzatori dei comitati per la protezione degli attivisti dagli attacchi dei coloni.

di: 

 

di Meri Calvelli (da Ramallah)

Forse avrà capito che è stato fatto davvero molto poco in questo periodo per il popolo palestinese, forse si è veramente stancato di ripetere sempre le stesse cose inascoltate e forse sarà una delle ultime mosse del presidente Abbas, ma ieri il suo discorso e la determinazione a non ritirare la richiesta all'Assemblea generale delle  Nazioni Unite, ha toccato la coscenza di tanti, sfiduciati e assopiti.

 

di: 

Di Elisabetta Dini
Nella primavera di quest'anno ho partecipato ai corsi di formazione dello SCI (Servizio Civile Internazionale) grazie ai quali sarei potuta andare a fare un campo di lavoro ad Hebron, in Palestina con l'associazione IPYL (International Palestinian Youth League).
Il campo di lavoro sarebbe durato 15 giorni, era composto da 15 “internazionali” tra cui altri due ragazzi italiani oltre a me, poi sarei rimasta altri 20 giorni in più per farmi un giro tra le altre associazioni che lavorano in Palestina, incontrare persone, ascoltare i loro racconti, renderli parte di un progetto di ricerca che si sarebbe dovuto trasformare nella mia tesi di laurea magistrale.

di: 


di Valentina Quaresima

Tra pochi giorni, ad Amed (Diyarbakır, in turco), si aprirà la seconda “edizione” del Forum Sociale della Mesopotamia (www.msf.web.tr). Dal 20 al 25 settembre, il capoluogo del Kurdistan del Nord* diventerà crocevia di incontri e di scambi per attivisti, militanti ed esponenti della società civile provenienti da diverse parti del mondo.

di: 

Pagine


Rive nord e sud del Mediterraneo si incontrano, e condividono.
di M.Rita Ines Mura - europrogettista
A novembre 2010 la svolta. Un viaggio alla scoperta di quello che potrebbe unire le due sponde del Mediterraneo, respirando la primavera araba. 

L'aria di Ankara. Satura di maledetto lacrimogeno.

11 Giugno 2013

Si chiude con l’aggressione dell’esercito israeliano, arrest

Ho davvero voglia di piangere, ma le lacrime non ne voglio

Pagine