• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Bahrain

Dopo una settimana di manifestazioni e cariche della polizia, a meno di 24 ore dal via delle prove libere del Gran Premio di Formula 1, il mondo, sportivo e non, si divide. Mentre le opposizioni sono pronte ad occupare la ribalta mediatica per far sentire, ancora una volta, la loro voce.

di: 

In un momento in cui le tensioni regionali sono inasprite dal conflitto siriano, il partito sciita libanese continua a dividere. Dopo mesi di duri scontri, a fine marzo il Parlamento del Bahrein ha deciso: Hezbollah è “un'organizzazione terroristica”. 

di: 

Dopo l'obbligo imposto ai prigionieri di coscienza di indossare la divisa dei detenuti comuni, Zainab e Abdulhadi al-Khawaja continuano la loro battaglia per il rispetto dei diritti umani, anche a costo di perdere la vita. Per i sogni di un intero paese.

 

di: 

Dal 3 all'8 aprile il Medio Oriente torna protagonista a Firenze, con Middle East Now. In arrivo la regina della pop culture mediorientale e "l'Andy Warhol" del mondo arabo. 

 

di: 

Pagine

Hyam Yared è un’autrice libanese, nata a Beirut nel 1975, dove ha iniziato la sua carriera. Una scrittura senza tabù, la sua, che mette a nudo i limiti della società libanese. Protagoniste delle sue pagine, le donne. 

Nonostante gli "sviluppi positivi" e la tendenza globale all'abolizione della pena di morte, il suo utilizzo nei paesi del Medio Oriente continua ad essere "motivo di grande preoccupazione" per Amn

10 Aprile 2013

“Democrazia, secolarismo, divertimento”: queste le parole d'ordine che campeggiano sotto il logo del sito freearabs.com, una nuova piattaforma d’informazione, satira e denuncia. E' la nuova "primavera 2.0".

14 Marzo 2013

A due anni esatti dall'ingresso nel paese delle truppe del Golfo e con i festeggiamenti per l'anno nuovo sciita alle porte, il governo del Bahrein si affretta a cercare nuovi nemici. In una eterna lotta contro la libertà di espressione e di pensiero, lancia una nuova crociata contro internet e i social network e intanto accusa Teheran di fomentare l'insurrezione.

Pagine