• ISSN: 2240-323X
  • Icona Facebook
  • Icona Twitter
  • Icona Youtube
  • Icona RSS Feed

Tu sei qui

Iraq

Baghdad, Sinjar, Mosul, Erbil, Falluja.Tra macerie, sete di potere e voglia di libertà, nelle più importanti città irachene si sta giocando tanto del futuro di uno Stato che mai dalla sua indipendenza é stato così fragile.

17 Luglio 2016
di: 
Joseph Zarlingo dall'Iraq

A fronte di dibattiti pubblici sempre più islamofobici ed etnocentrici, spesso focalizzati sulla costruzione dell’arabo-musulmano come “pericoloso” in quanto irrimediabilmente “diverso”, Enrico Bartolomei ed Estella Carpiche affrontano la questione del paradigma religioso-confessionale con cui spesso vengono interpretati il Medio Oriente e il mondo arabo, a approndiscono la critica avviata dal gruppo di studiosi de "

15 Maggio 2016
di: 
Enrico Bartolomei e Estella Carpi

I movimenti giovanili iracheni che manifestano da mesi contro la corruzione del governo stanno inventando nuove forme di cittadinanza. E in un paese martoriato dalla guerra, investono in dialogo e cultura. 

 

 

15 Maggio 2016
di: 
Zahra Ali per Open Democracy*

“Senza violenza, senza conflitti, senza guerra tra comunità e religioni. Siamo qui perché vogliamo ricostruire l’Iraq, e lo vogliamo fare su basi diverse”. A Baghdad, su impulso di Moqtada al-Sadr, si continua a chiedere al governo di attuare riforme contro la corruzione.

 

23 Marzo 2016
di: 
Stefano Nanni da Duhok - Kurdistan iracheno

Pagine

Incontro con Ala Ali, ricercatrice curdo-irachena esperta di peacebuilding e questioni di genere. Che racconta l’Iraq di oggi e quello di ieri. Nei suoi ricordi, e in qualche fotografia. 

23 Marzo 2016

The Eastern Question and the Sykez-Picot agreement: this is how a geographical/political/cultural area that had been, for centuries, among the most significant actors of the world, was expelled fro

01 Marzo 2016

"Bombardare Da'ish non può essere una soluzione, ma l'idea di aprire dei negoziati con alcuni componenti di questa organizzazione è aborrita dalla comunità internazionale, nonostante i diplomatici

01 Marzo 2016

La violenza in Iraq e gli esodi di massa che ha generato stanno riconfigurando la geografia umana del paese, favorendo i raggruppamenti di popolazione su base etnica e confessionale.

01 Marzo 2016

Pagine